Ispirati a me…

Tutte quante abbiamo i nostri problemi, accompagnati da debolezze, rimpianti, voglia di fare e non sapere come.

Non è facile fare la mamma senza contare con aiuti esterni, ma non  per quello ti devi annullare come donna, anzi prendilo come una prova, l’ennesima alla quale la vita ti sottopone.

Ci sono giorni bui, che sembrano non finire mai, dove vorresti solo scappare lontano da tutti. Cammina, possibilmente da sola, perché riesci a pensare meglio, e senza accorgertene tornerai carica e anche rilassata.

Gioca come quando eri bambina e scoprirai che ti diverti ancora, crea, qualunque cosa, perché mantieni attivo il cervello, lo stimoli; la palestra per la mente è meno faticosa che quella per il corpo, e dà più soddisfazioni!

Trova il tempo per leggere, anche libri di cucina, scrivi a mano, perché fra qualche anno non saprai più scrivere è quindi neanche insegnare o correggere gli errori che tuo figlio farà alle elementari. Vi sembra una cosa esagerata? Provate a togliere il correttore dal telefono e dai vari programmi di scrittura dal computer.

Nei tempi dei social network tutto sembra virtuale, ma dietro c’è sempre una persona, una idea, dei valori, con dei problemi come i vostri o peggiori, cercate di conoscere quella che vi ispira.

Una botta di vita la chiamo io! Ne abbiamo bisogno tutti, ma le mamme ancora di più.

Prendete questa lunga pausa e arricchitevi: studiate, tirate fuori la parte nascosta di voi: quella che è sempre esistita, ma che la ignoravi. Ecco, è arrivato il momento di tirarla fuori, per voi prima di tutti, il resto si sistema da sé.

#ispiratiame 🙂

Vanina Rodrigo

 

Annunci

Polpettine di zucchini

Ormai lo sapete, ogni volta esperimento una ricetta vegetariana. Avevo già pubblicato in passato delle polpette di questo ortaggio, però diverse.

Il bello di questa ricetta è chi ci vogliono pochi ingredienti, e la cottura è interamente al forno.

Spero che vi piaccia, e ricordatevi, se per caso provate a farle fatemi sapere! 😉

Ingredienti:

500 g di zucchini

2 uova

2 cucchiai di parmigiano

1 cucchiaino di noce moscata

1 cucchiaio di prezzemolo

sale e pepe

pane grattugiato 

 

Procedimento:

In un recipiente abbastanza capiente, grattugiate le zucchine, aggiungete il prezzemolo tritato, le uova; condite con sale e pepe a vostro gusto, unite ora il parmigiano e anche il cucchiaino di noce moscata.

Mescolate per bene. Per addensare il composto aggiungete del pane grattugiato, non ne servirà molto. Formate ora le polpettine con le mani. Io le ho impanate anche fuori.

Accendete in forno a 180°, a temperatura raggiunta infornate, per una mezza ora, dipende anche dal forno. A me piacciono dorate e croccanti.

Il risultato finale

Vanina Rodrigo

 

 

Resto / Me quedo

Resto

anche se potrei andare,

con le mi paure

con le mie idee

con le mie speranze.

Niente si costruisce dal niente,

di base

c’è sempre un sogno

uno schema

un disegno da definire.

Resto perché voglio

arrivare a toccare con mano

ciò che è così chiaro

nella mia testa.

Resto o inizio a volare?

1554276de77f1e6fe0d8c696cb82e3d3.jpg

Illustrazione da Pinterest

Me quedo

aunque si me podrìa ir,

con mis miedos

mis ideas

mis esperanzas.

Nada se construye de la nada,

de base

hay siempre un sueño,

un dibujo

por terminar.

Me quedo porque

quiero llegar a tocar con mano

lo que està tan

claro en mi cabeza.

Me quedo o empiezo a volar?

Vanina Rodrigo

 

 

Buona Pasqua!

Giornata di sole, i colori iniziano pian piano ad affacciarsi alla stagione.

Tutti quanti si sentono allegri, la Pasqua apre le porte alla tanto attesa primavera, possiate trascorrere questa giornata in compagnia di familiari e amici, circondati da colori e fiori profumati.

Io ho scelto il giallo!

Buona festa a tutti!

20180331_104229.jpg

Vanina Rodrigo

 

Treccia di Pasqua / Rosca de Pascua

Mancano ancora alcuni giorni a Pasqua, ma i dolci tradizionali è sempre meglio sperimentarli in anticipo, soprattutto se vorrete proporli ai vostri amici o parenti.

Questa ricetta è di Stefano Cavada, io ho dovuto modificarla leggermente perché non avevo tutti gli ingredienti a casa, comunque vi riporto entrambi le versioni.

Dovete sapere che il risultato è come quello di un pane dolce, quindi potete scegliere se aggiungere creme prima, o semplicemente mentre lo mangiate.

Ingredienti / Ingredientes

1 bustina di lievito ( 7g ) o un cubetto ( 25 g ), io ho usato il cubetto / 1 sobrecito de levadura ( 7gr ) o un cubo de ( 25 gr ) yo usè el cubo.

2 cucchiaini di zucchero / 2 cucharaditas de azùcar

75 ml di latte / 75 ml de leche

 

Impasto / Masa

300 g di farina per panettone ( io Manitoba ) / 300 gr de harina para pan dulce ( yo Manitoba )

40 g di burro morbido, temperatura ambiente / 40 gr de manteca a temperatura natural

2 cucchiai di zucchero di canna o a velo ( io a velo ) / 2 cucharadas de azùcar de caña o impalpable ( yo impalpable )

Scorza di un limone biologico / Ralladura de un limòn biològico

1 baccello di vaniglia ( io no ) / Vainilla ( yo no )

1 pizzico di sale / 1 pizca de sal

5 ml di grappa ( io vecchia romagna, non avevo altro ) / 5ml de grapa ( yo brandy )

 

Per decorare

1 uovo / 1 huevo

granella di zucchero ( io di nocciola ) / azùcar en granos 

 

Procedimento:

Sciogliete il lievito con lo zucchero nel latte tiepido. / Derretir la levadura con el azùcar en la leche tibia.

Impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, aiutatevi con una planetaria inserendo il gancio. Fate lievitare per 50′. / Amasar todos los ingredientes hasta obtener una masa lisa y compacta, con la ayuda de un robot amasador con gancho inserido. Dejar leudar por 50′.

Dividere l’impasto in tre, creare dei lunghi salami e intrecciarli fra di loro. Chiudere la treccia a corona su una teglia con la carta da forno. Far lievitare ancora 50′. / Dividir la masa en tres partes, formar largos salames y trenzarlos, cerrar la trenza a forma de corona, colocarla en una fuente con papel de horno, dejar leudar otros 50′ màs.

Spennellare l’uovo sbattuto e cospargere con la granella di nocciola o zucchero. Infornare a 170° per 30′. / Pincelear la rosca con el huevo batido, agregar arriba la decoraciòn deseada. Hornear a 170° por unos 30′.

IMG_20180320_1.jpg

Questo è il risultato! 😉

Vanina Rodrigo 

 

 

 

 

 

Torta primavera

Lo so, sto trascorrendo poco tempo ultimamente qui, ma non c’è da preoccuparsi, sono sempre operativa; a volte staccare fa bene ed è necessario!

Oggi vi propongo un ricetta semplice e veloce, di grande impatto e molto buona al palato.

Immaginatevi comodamente seduti fuori, in una mattina di primavera, con la tazza di caffè in mano e il cinguettio degli uccellini. Sembra un sogno, ma questi giorni arriveranno, e  quindi meglio essere preparati. 😉

Ingredienti:

Per la base della torta

2 uova

100 g di zucchero

150 g di farina

50 ml di latte

50ml di olio

8g di lievito per dolci

Lavorate le uova con lo zucchero, poi incorporate lentamente la farina e unite prima il latte e poi l’olio, aggiungete anche il lievito.

Trasferite il composto in una tortiera ( meglio se di crostata ), questa è una base che deve rimanere bassa.

Infornate a 180° per 20/ 25′

Lasciate raffreddare

Per la crema all’arancia

Il succo di due o tre arance

130g di zucchero

50g di burro

50 g di Amido di maiz

In un pentolino mettete l’amido di maiz e incorporate un po’ alla volta il succo delle due arance spremute, lavorate con una frusta finché non ci saranno più grumi.

Aggiungete ora lo zucchero e accendete il fuoco, a fiamma bassa, girate continuamente, incorporate il burro, continuate a mescolare finché la crema si sarà addensata al punto giusto.

Lasciate raffreddare.

Ottima anche al cucchiaio!

Per la decorazione

2 kiwi

1 banana

2 mandarini

gelatina o marmellata di albicocche

*Naturalmente potete utilizzare la frutta che preferite.

Prendete la torta e spalmateci sopra la crema all’arancia, poi sistemate la frutta fresca tagliata in modo regolare.

La vostra torta è pronta!

IMG_20180314_1.jpg

Il risultato finale

Vanina Rodrigo

 

Come farfalle in primavera / Como mariposas en primavera

Lo so che mi guardi

osservi da lontano

a volte mi prendi per mano

riesco a sentire che mi afferri

per poi lasciarmi andare

e volare libera

come una farfalla in primavera.

29b6109faf474dff304da0fe02dc644c.jpg

Immagine da Pinterest

Sè que me miras

observas desde lejos

a veces me tomas la mano

puedo sentir que la aprietas

para despuès dejarme ir

volar libre

como una mariposa en primavera.

Vanina Rodrigo

 

Donna coi tacchi / Mujer con zapatos de tacos

Donna ogni giorno, con tutto il mio essere, con le mie lune storte, ma sempre pronta a vedere sorgere il sole.

Donna sempre di più, con il passare degli anni e i cambiamenti, che ho imparato ad affrontare e ad apprezzare.

Donna che ha donato vita, e vita ha perso.

Donna fragile, che si spezza facilmente e altrettanto velocemente si ricompone.

Perché quello siamo.

Metti insieme i pezzi del puzzle e vedrai: un viso, un corpo, una sposa, una casalinga; le lacrime, i sorrisi, i giochi; i fuochi d’artificio! ( nel bene, nel male ) 😉

Donna così, imprevedibile, autentica e  in piedi sopra un paio di tacchi naturalmente!

1419592811-heels-work

Immagine dal web

Mujer cada dìa, con todo mi ser, con mis lunas torcidas, pero siempre dispuesta a ver surgir el sol.

Mujer cada vez màs, con el pasar de los años, con el cuerpo que se transforma, con los cambiamentos, que he aprendido a aceptar y hasta apreciar.

Mujer que vida donò y vida perdiò.

Mujer fràgil, que se rompe fàcilmente y velozmente se recompone.

Porque eso somos.

Junta las piezas del rompecabezas y veràs una cara, un cuerpo, una esposa, una madre, una ama de casa; las làgrimas, las sonrisas y los juegos, los fuegos artificiales! ( en el bien y en el mal )

Mujer asì, impredecible, autèntica y parada arriba de un buen par de  zapatos de tacos naturalmente!

Vanina Rodrigo

 

Plumcake al tè e uvetta

Si avvicina la Festa della Donna, volete una torta, ma la mimosa è troppo elaborata per voi?

Ho la soluzione che fa al caso vostro, un dolce ideale per prendere il tè insieme ad amiche e festeggiare così in compagnia questa giornata fra una chiacchiera e l’altra in dolcezza.

Ingredienti:

200 g di farina

200 g di zucchero di canna

200 g di burro

1 bustina di lievito per dolci

scorza di un limone

una bustina di tè ( earl grey o simili )

uvetta 150 g più o meno

3 uova

Procedimento

Scaldate l’acqua per il tè, quando sarà pronta immergete la bustina di tè e lasciate riposare, dopo un po’ aggiungete al tè l’uvetta e prelevate cinque cucchiai di tè e trasferite in un bicchiere.

Ora lavorate il burro ammorbidito con le fruste o sbattitore finché diventa spumoso, aggiungete lo zucchero e poi le uova una ad una e continuate a lavorare con le fruste/ sbattitore.

Incorporate un po’ per volta la farina e il lievito setacciato , quando sarà necessario prendete il bicchiere con il tè e iniziate a incorporarlo, dopo grattugiate la scorza di un limone; e per ultimo bisognerà aggiungere anche l’uvetta, che prima avrete tolto dal tè e asciugato con della carta da cucina, all’occorrente passatele per la farina.

Trasferite ora il composto in una teglia da plumcake foderata con la carta da forno.

Infornate a 150° per 50′ circa, si consiglia di non aprire il forno prima, rischio lo sgonfiamento del plumcake 😉 , fate la prova dello stecchino. Lasciate raffreddare in una griglia.

Plumcake al tè e uvetta

Vanina Rodrigo